Analisi SEO: Come Farla

Il blog per chi fa impresa

Analisi SEO: Come Farla

Analisi SEO

L’ analisi SEO è estremamente importante se il tuo obiettivo è far fruttare il consistente investimento che hai fatto commissionando un sito internet. Un bel portale è totalmente inutile infatti se non appare sui motori di ricerca e la gente non lo visita, su questo non puoi che essere d’accordo, giusto? Come si procede dunque per poter capire dove intervenire? In questo breve articolo ti daremo qualche linea guida utile per poter approntare il tuo sito in modo che a Google e compagnia piaccia!

 

L’analisi SEO è la base di tutto

Google e tutti gli altri motori di ricerca, sfruttano criteri ben precisi per valutare la qualità di un sito internet così da farlo apparire nei risultati di ricerca. Anche se non ci è dato sapere quali siano precisamente questi criteri, gli esperti SEO, nel corso degli anni, hanno compreso alcune meccaniche e sono stati in grado di sfruttarle per posizionare il sito di un cliente piuttosto che un altro. L’ analisi SEO è quindi il primo passo che bisogna compiere per valorizzare un portale internet.

Ovviamente è consigliabile farla fare a degli esperti, consapevoli di dinamiche sconosciute ai più, che muovono e mutano le SERP ogni giorno. Anche tu però puoi fare dei controlli preliminari per sistemare nel migliore dei modi il tuo sito internet. Ci sono infatti alcune semplici regolette da seguire che andremo ad elencarti qui di seguito e che sicuramente ti torneranno molto utili:

  • Le scelta della Keyword su cui puntare è fondamentale e, anche se non disponi degli strumenti per l’analisi SEO idonei, puoi trovare già qualche dato utile semplicemente osservando su Google fra le ricerche suggerite;
  • Una volta individuata la Keyword, fai in modo nel title, nella meta description, nell’url e all’interno del testo della pagina essa sia presente, senza però esagerare. Un pratico strumento che può aiutarti molto in questo frangente se il tuo sito è basato su WordPress è Yoast SEO, un plug-in strutturato come una checklist di quanto detto fino ad ora;
  • Aggiungi contenuti interessanti ed utili agli utenti, sfruttando le keyword correlate, suggerite da Google.

Con questi semplici passaggi puoi già impostare il tuo portale perché sia ottimizzato, almeno dal punto di vista on page, rimane comunque conveniente chiedere aiuto a chi queste cose le fa di professione e dispone degli strumenti adatti per darti risultati più concreti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *